Pensioni in aumento del 2,2% da ottobre, cosa prevede il Dl Aiuti

Pensioni in aumento del 2,2% da ottobre, cosa prevede il Dl Aiuti bis. Nel Decreto varato dal Consiglio dei Ministri c’è l’anticipo sulle rivalutazioni delle pensioni ad ottobre. L’obiettivo è consentire il contrasto della perdita di potere d’acquisto dovuta all’inflazione, soprattutto a chi percepisce la pensione minima. Ma le pensioni in aumento del 2,2% da ottobre potrebbero subire dei correttivi alla luce delle critiche già manifestate dalle parti sociali.

Pensioni in aumento del 2,2% da ottobre

Il nuovo importo delle pensioni avrà decorrenza da ottobre 2022 e con il primo pagamento utile verranno riconosciuti anche gli importi arretrati. Il consiglio dei Ministri ha deciso di anticipare la rivalutazione attesa nel 2023, e di riconoscere fin da subito la differenza rilevata tra il tasso provvisorio accertato per il 2021 e quello definitivo. Infatti già nel gennaio scorso le pensioni sono state adeguate al tasso d’inflazione rilevato dall’Istat, pari all’1,7%, ma successivamente è stato accertato un tasso definitivo dell’1,9%.

La differenza dello 0,2% doveva essere applicata sulla pensione da gennaio 2023, con il riconoscimento degli arretrati per gli ultimi 12 mesi. Tuttavia la situazione attuale ha richiesto degli interventi straordinari ed è per questo che il Governo oltre a riconoscere fin da subito tale differenza ha anche deciso di anticipare la rivalutazione attesa nel 2023, applicando per il momento un tasso provvisorio del 2%.

Pensioni in aumento, il meccanismo della rivalutazione

Il meccanismo che rivaluta le pensioni tiene conto del costo della vita. Il tasso rilevato dall’Istat si applica direttamente sull’importo della pensione percepita, il quale viene dunque aumentato al pari dell’andamento dei prezzi. Però questo vale solamente per le pensioni inferiori a un certo importo, ossia alle quattro volte il trattamento minimo (515,58 euro nel 2022). Mentre per le pensioni più elevate si applica un tasso di rivalutazione parziale, per evitare incrementi spropositati.

Le tre fasce di rivalutazione

Dal 1 gennaio 2022 è tornato in vigore un sistema a tre fasce dove è previsto un incremento del 100% del tasso di rivalutazione per gli assegni che non superano di quattro volte il trattamento minimo (2.062,00 euro). Mentre tra le quattro e le cinque volte (ossia fino a 2.577,90 euro) l’aumento è del 90% del tasso. Infine, quando l’importo della pensione è elevato a tal punto da superare di cinque volte il trattamento minimo, quindi sopra i 2.577,90 euro circa, l’aumento è del 75%.

Pensioni, di quanto aumentano con la rivalutazione del 2,2%

Solo per le pensioni sotto i 2.000 euro (circa) si applica un tasso al 100%. Straordinariamente con il decreto Aiuti bis viene prevista una seconda rivalutazione annua dopo quella già effettuata nel gennaio 2022. E per un tasso del 2,2% che sarà così costituito:

  • 2% a titolo di anticipo della rivalutazione attesa nel 2023, per la quale è previsto un tasso intorno all’8%;
  • 0,2% a titolo di conguaglio della rivalutazione effettuata nel 2022, vista la differenza tra il tasso provvisorio applicato (1,7%) e quello definitivo accertato (1,9%).

Quindi a titolo esemplificativo per una pensione di 1.000 euro è previsto un incremento di 22 euro al mese, ovvero di 66 euro in più considerando l’intero periodo (da ottobre a dicembre). Invece per una pensione di 2.000 euro l’incremento sarebbe di 44 euro mensili, ovvero di 132 euro per l’intero periodo.

Salendo d’importo il tasso si riduce

Salendo d’importo il tasso di rivalutazione applicato si riduce. Ad esempio una pensione di 2.200 euro viene aumentata del 90% del tasso individuato, quindi solo dell’1,98%. Ciò si traduce in un aumento di 43,50 euro, ossia meno rispetto a quanto spetta su una pensione di 2.000 euro. Invece sopra i 2.500 euro la rivalutazione è del 75% del tasso, ossia dell’1,65. Quindi una pensione di 3.000 euro lordi godrebbe per i prossimi sei mesi di un incremento di 49,50 euro.

Attesa una nuova rivalutazione nel 2023

La rivalutazione anticipata alla data 1° ottobre 2022 avviene in misura solamente parziale. Infatti con la pensione pagata a gennaio 2023 ci sarebbe poi una nuova rivalutazione, in base al tasso accertato per i 12 mesi precedenti. Da questo, ovviamente, verrebbe sottratta la parte di rivalutazione già riconosciuta dal decreto Aiuti.

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Categorie Articoli
Torna su

Servizi

  • Assistenza e consulenza nelle controversie di lavoro
  • controllo di documenti e buste paghe emesse dal datore di lavoro
  • supporto nell’impugnazione del licenziamento e altri provvedimenti disciplinari
  • attività di orientamento, formazione e qualificazione
  • tutela e assistenza del lavoratore nei confronti di enti previdenziali e assicurativi
  • consulenza e assistenza fiscale, catastale, tributaria 
  • Assistenza e compilazione modello 730 ordinario
  • Trasmissione telematica modello 730 on line precompilato
  • Informazioni e assistenza pagamento imposte locali (IMU E TASI)
  • Compilazione modello ISEE – ISEU
  • Compilazione e trasmissione modello RED
  • Compilazione modello Bonus Energia, Gas e Idrico
  • Compilazione e trasmissione dichiarazioni di responsabilità (ICRIC-ICLAV-AS/PS)
  • Visure catastali
  • Domanda di pensione di vecchiaia e anticipata(anzianità)
  • Domanda per pensione di inabilità L. 104/92
  • Indennità di accompagnamento
  • Domanda di pensione supplementare
  • Domanda di assegno ordinario di invalidità (pensione di invalidità)
  • Domanda per pensione di reversibilità (ai superstiti)
  • Domanda per supplemento di pensione
  • Assegno sociale
  • Domande di disoccupazione
  • Richiesta assegni familiari
  • Estratto aggiornato della posizione contributiva INPS
  • Permessi per assistenza ai disabili

La formazione rappresenta  un valore  in quanto momento di crescita personale e professionale, ed al contempo un investimento “intangibile” per il futuro.

U.N.Si.L, da sempre, si adopera per l’adeguamento  e  la riqualificazione della forza lavoro esistente.

La formazione  intesa come un insieme di momenti, di contenuti e di attività, accompagnata da  un efficace metodo di apprendimento, accresce le  qualità  del soggetto, rendendolo padrone del proprio cammino professionale, e come tale competitivo all’interno di un mercato del lavoro sempre più complesso ed esigente,  mentre  per chi è già inserito in un contesto lavorativo contribuisce al miglioramento delle proprie prestazioni, contribuendo di converso anche ad  aumentare il proprio rendimento all’interno dell’azienda.

L’ Ufficio Legale esprime l’impegno di U.N.Si.L. per la tutela e la difesa dei diritti di tutti i lavoratori.
Con una rete di legali convenzionati, dotati della  massima esperienza e specializzazione, presenti su tutto il territorio nazionale e coordinati dall’ufficio legale centrale, viene assicurata ai propri iscritti un’assistenza continua e qualificata, non solo  in  materia giuslavoristica e  previdenziale, ma anche in tutti gli altri settori che possono interessare i propri iscritti, come  liti condominiali, locazioni, infortunistica, controversie mediche e sanitarie, controversie in materia di contratti, separazioni e divorzi, cause ereditarie, divisioni, a tariffe agevolate.

Tra i compiti che U.N.Si.L.si impegna a rivestire rientra l’attività di intermediazione tra domanda ed offerta di lavoro, ovvero  di ricerca, selezione, e ricollocazione del personale.

U.N.Si.L. supporta costantemente i propri iscritti  in cerca di occupazione. L’attenzione è rivolta non solo ai giovani, che si apprestano a fare il loro ingresso, per la prima volta, nel modo del lavoro, ma anche a disoccupati, cassintegrati, e  persone con disabilità, pianificandone in modo efficace la candidatura, mediante un’attenta analisi di conoscenze e capacità personali, comparate con le richieste  provenienti dalle esigenze di mercato, raccolta dei curricula,  preselezione, costituzione di banche dati, redazione di  un progetto professionale, ed effettuazione, su richiesta del committente.

La rappresentanza sindacale dei lavoratori costituisce un elemento fondamentale del tessuto democratico del nostro paese: attraverso di essa milioni di lavoratori danno voce nelle aziende in cui lavorano ai loro diritti ed attraverso la contrattazione cercano, invece,  di realizzare un equilibrio tra le esigenze delle aziende e quelle delle persone che vi lavorano. Il riferimento legislativo principale per la regolazione della rappresentanza sindacale in azienda si trova nella legge 300 del 20/5/1970 detta Statuto dei Lavoratori, che affida poi alla contrattazione la realizzazione dei principi in essa stabiliti.

 

Ed è proprio attraverso la contrattazione di I° e II° livello, ed il confronto con le Istituzioni, che U.N.Si.L. si fa carico non solo di rappresentare i bisogni del lavoro, ma più in generale quelli dei cittadini e delle comunità, profondamente mutati a causa delle dinamiche economiche, demografiche e migratorie di questi anni, e della recente pandemia da Covid-19, per favorire la ripresa degli investimenti pubblici e privati a partire dai bisogni prioritari dei territori.