Giustizia previdenziale, Cnel: riformare pensioni e welfare

Giustizia previdenziale, Cnel: riformare pensioni e welfare. Il Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro ospita il workshop “Giustizia previdenziale. Come riformare pensioni e welfare”. Nell’ambito del quale c’è stata la presentazione dei primi dati del progetto sviluppato in collaborazione con la Commissione Parlamentare di controllo sull’attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale. Ne hanno discusso il presidente del Cnel Tiziano Treu, il sen. Tommaso Nannicini, presidente della Commissione parlamentare di controllo sull’attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale. E i consiglieri CNEL Michele Faioli e Cecilia Tomassini, Paola Bozzao, Rossella Cappetta, Maurizio Del Conte, Andrea Dili, Madia D’Onghia, Andrea Garnero, Chiara Gribaudo, Mauro Maré, Fabrizio Patriarca, Michele Raitano, Rosa Bianca Sanna e Gianfranco Santoro.

Giustizia previdenziale, il sistema previdenziale attende una riforma urgente

“La riforma del sistema previdenziale è tra gli interventi più urgenti. Ma c’è il problema dei giovani. Con la Commissione parlamentare di controllo sull’attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale abbiamo avviato un percorso che potrebbe portare ad un libro bianco. Bisogna varare un progetto di vera e propria giustizia previdenziale per sanare gli squilibri già esistenti che si accentueranno ulteriormente negli anni. E poi c’è tutto il tema del lavoro autonomo che è sempre stato sempre trascurato. La riforma del sistema previdenziale deve essere associata per forza di cose alla riforma fiscale e a quella dei salari” ha spiegato Treu.

Giustizia previdenziale, il gruppo di lavoro del Cnel

Sulla riforma del sistema previdenziale il Cnel istituisce un gruppo di lavoro composto da esperti di tutta Italia per raccoglie proposte concrete. Le recenti previsioni Istat ipotizzano un rapido declino quadro demografico con la diminuzione di circa 10 milioni della popolazione italiana entro il 2065. E l’assottigliamento della popolazione tra i 15 e i 64 anni con il conseguente aumento relativo della componente più anziana (dal 23% al 34%). Le famiglie subiranno un processo di frammentazione: saranno più numerose e più piccole, aumentando quindi il numero di anziani soli (1,8 milioni in più entro il 2040).

Lo squilibrio tra popolazione attiva sul mercato del lavoro e i beneficiari

Su questo aspetto è intervenuta la consigliera Tomassini. “La bassissima fecondità, unita all’aumento della longevità e soprattutto alla peculiare diversità della struttura delle generazioni nate tra gli anni Cinquanta e Sessanta rispetto a quella dei nati tra gli anni Settanta e Ottanta, apre nel prossimo futuro uno scenario di potenziale squilibrio tra la popolazione attiva sul mercato del lavoro (finanziatori del sistema) e i beneficiari delle rendite previdenziali. Che rappresenta un pericolo per la sostenibilità finanziaria dell’intero sistema.

Proprio la previsione di questo scenario, già avvertita dai demografi agli inizi degli anni Novanta, è all’origine del complesso processo di riforme previdenziali avviato nel 1995 dalla Legge Dini e parzialmente concluso dalla cosiddetta riforma Fornero con relativi correttivi temporanei (quota 100). Ignorare queste dinamiche potrebbe rivelarsi un punto cieco critico per la conoscenza, la valutazione e il monitoraggio, specialmente rispetto a quell’obiettivo di sostenibilità finanziaria ed equità sociale che aveva richiesto l’avvio del processo di riforma del sistema pensionistico italiano”.

Gli strumenti della riforma

“Qualunque riflessione riformatrice sugli enti previdenziali di prima o di seconda generazione deve muovere, da una parte, da una analisi delle proiezioni demografiche, socio-economiche, reddituali, concorrenziali inter e infra-categoriale, e, dall’altra, dall’analisi dell’effettiva volontà che quel gruppo professionale esprime sul proprio futuro previdenziale, anche in una logica di solidarietà intergenerazionale”, ha sottolineato il consigliere CNEL Faioli.

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Categorie Articoli
Torna su

Servizi

  • Assistenza e consulenza nelle controversie di lavoro
  • controllo di documenti e buste paghe emesse dal datore di lavoro
  • supporto nell’impugnazione del licenziamento e altri provvedimenti disciplinari
  • attività di orientamento, formazione e qualificazione
  • tutela e assistenza del lavoratore nei confronti di enti previdenziali e assicurativi
  • consulenza e assistenza fiscale, catastale, tributaria 
  • Assistenza e compilazione modello 730 ordinario
  • Trasmissione telematica modello 730 on line precompilato
  • Informazioni e assistenza pagamento imposte locali (IMU E TASI)
  • Compilazione modello ISEE – ISEU
  • Compilazione e trasmissione modello RED
  • Compilazione modello Bonus Energia, Gas e Idrico
  • Compilazione e trasmissione dichiarazioni di responsabilità (ICRIC-ICLAV-AS/PS)
  • Visure catastali
  • Domanda di pensione di vecchiaia e anticipata(anzianità)
  • Domanda per pensione di inabilità L. 104/92
  • Indennità di accompagnamento
  • Domanda di pensione supplementare
  • Domanda di assegno ordinario di invalidità (pensione di invalidità)
  • Domanda per pensione di reversibilità (ai superstiti)
  • Domanda per supplemento di pensione
  • Assegno sociale
  • Domande di disoccupazione
  • Richiesta assegni familiari
  • Estratto aggiornato della posizione contributiva INPS
  • Permessi per assistenza ai disabili

La formazione rappresenta  un valore  in quanto momento di crescita personale e professionale, ed al contempo un investimento “intangibile” per il futuro.

U.N.Si.L, da sempre, si adopera per l’adeguamento  e  la riqualificazione della forza lavoro esistente.

La formazione  intesa come un insieme di momenti, di contenuti e di attività, accompagnata da  un efficace metodo di apprendimento, accresce le  qualità  del soggetto, rendendolo padrone del proprio cammino professionale, e come tale competitivo all’interno di un mercato del lavoro sempre più complesso ed esigente,  mentre  per chi è già inserito in un contesto lavorativo contribuisce al miglioramento delle proprie prestazioni, contribuendo di converso anche ad  aumentare il proprio rendimento all’interno dell’azienda.

L’ Ufficio Legale esprime l’impegno di U.N.Si.L. per la tutela e la difesa dei diritti di tutti i lavoratori.
Con una rete di legali convenzionati, dotati della  massima esperienza e specializzazione, presenti su tutto il territorio nazionale e coordinati dall’ufficio legale centrale, viene assicurata ai propri iscritti un’assistenza continua e qualificata, non solo  in  materia giuslavoristica e  previdenziale, ma anche in tutti gli altri settori che possono interessare i propri iscritti, come  liti condominiali, locazioni, infortunistica, controversie mediche e sanitarie, controversie in materia di contratti, separazioni e divorzi, cause ereditarie, divisioni, a tariffe agevolate.

Tra i compiti che U.N.Si.L.si impegna a rivestire rientra l’attività di intermediazione tra domanda ed offerta di lavoro, ovvero  di ricerca, selezione, e ricollocazione del personale.

U.N.Si.L. supporta costantemente i propri iscritti  in cerca di occupazione. L’attenzione è rivolta non solo ai giovani, che si apprestano a fare il loro ingresso, per la prima volta, nel modo del lavoro, ma anche a disoccupati, cassintegrati, e  persone con disabilità, pianificandone in modo efficace la candidatura, mediante un’attenta analisi di conoscenze e capacità personali, comparate con le richieste  provenienti dalle esigenze di mercato, raccolta dei curricula,  preselezione, costituzione di banche dati, redazione di  un progetto professionale, ed effettuazione, su richiesta del committente.

La rappresentanza sindacale dei lavoratori costituisce un elemento fondamentale del tessuto democratico del nostro paese: attraverso di essa milioni di lavoratori danno voce nelle aziende in cui lavorano ai loro diritti ed attraverso la contrattazione cercano, invece,  di realizzare un equilibrio tra le esigenze delle aziende e quelle delle persone che vi lavorano. Il riferimento legislativo principale per la regolazione della rappresentanza sindacale in azienda si trova nella legge 300 del 20/5/1970 detta Statuto dei Lavoratori, che affida poi alla contrattazione la realizzazione dei principi in essa stabiliti.

 

Ed è proprio attraverso la contrattazione di I° e II° livello, ed il confronto con le Istituzioni, che U.N.Si.L. si fa carico non solo di rappresentare i bisogni del lavoro, ma più in generale quelli dei cittadini e delle comunità, profondamente mutati a causa delle dinamiche economiche, demografiche e migratorie di questi anni, e della recente pandemia da Covid-19, per favorire la ripresa degli investimenti pubblici e privati a partire dai bisogni prioritari dei territori.